la danza e...
you are here: Home Danza Moderna- Contemporanea

Normativa Privacy & Cookie

nota privacy & cookie
Questo sito utilizza cookies tecnici. Leggere con attenzione i termini e le condizioni che seguono prima di utilizzare questo sito web. L'uso del sito implica l'accettazione dei termini e delle condizioni riportate. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Notizie flash

DanzaMovimentoTerapia

ed

Espressione Corporea

Incontri bimensili

la domenica

dalle 12,30 alle 14,00

IALS - Roma

via C. Fracassini, 60

è consigliato un primo colloquio

info: f.chiarenza@libero.it

Danza Moderna-Contemporanea

Per danza moderna e/o contemporanea si intende un “linguaggio” di danza esplorato prevalentemente nel corso del ventesimo secolo da teorici, coreografi, danzatori, autori europei ed americani.

Ricordiamo qui François Delsarte, E. Jaques-Dalcroze, Isadora Duncan, Loie Fuller, Ruth St. Denis, Ted Shawn, Martha Graham,  Doris Humphrey, José Limón, Sigurd Leeder, Charles Weidman, Rudolf Von Laban, Hanya Holm, Kurt Jooss, Mary Wigman, Merce Cunningham, Alwin Nikolais…

Per modern, a grandi linee, va inteso un linguaggio tecnico-stilistico preciso (per es. la tecnica Graham o Humphrey-Limón o Cunningham).

La danza contemporanea oggi è anche “danza d’autore” vale a dire la proposta coreografica e drammaturgica di un coreografo che, al di là del discorso tecnico, proponga una propria e originale visione poetica.

Martha Graham

LA TEC NICA

La tecnica è un mezzo volto ad un fine e non fine a se stessa…..

Come un ar chitetto, il danzatore deve essere consapevole della forma, della struttura, del peso, della tensione, della l uce e dell’ombra. Allo stesso modo in cui il pittore utilizza il colore, così il ballerino può aggiungere contrasto al suo movimento. Egli deve avere piena coscienza dello spazio, dell’azione al suo interno e dei limiti fisici della scena. Infine, quando è anche coreografo, deve essere sicuro che la sua idea sia illuminata dal movimento, dall’arte della danza.Compito del “danzatore è “donare”, sia al coreografo che al pubblico, e per fare ciò, oltre al corpo, ci vuole anche la mente.
( “Premessa” di Mary Anthony, New York 1992, in Danzare con l’anima, di Gillian Hobart, AIEP-Guaraldi, Repubblica di  San Marino 1994. p.11).

La tecnica moderna e/o contemporanea è l’applicazione di metodi che possano formare ed arricchire il bagaglio di esperienza di un danzatore o amante della danza.

La tecnica moderna e la danza contemporanea in particolare esplorano le diverse possibilità espressive e dinamiche del movimento del corpo.

È la tecnica stessa che stimola la creatività e soprattutto fornisce gli elementi necessari alla comprensione della funzionalità muscolare del corpo, in modo da conoscerlo e percepirlo nella sua completezza e totalità.

N.B. Ho preso spunto per una possibile definizione di tecnica moderna e/o contemporanea dai programmi della mia scuola di formazione: AND- Accademia Nazionale di Danza Istituto di Alta Cultura, Roma 2010.

In tutte le fasi della lezione lo studio della tecnica moderna persegue il fine di dare all’allievo, parallelamente alla conoscenza degli esercizi proposti, la coscienza e consapevolezza del movimento.

DIDATTICA

Nel corso delle lezioni di danza da me proposte verrà data particolare attenzione:

  • alla respirazione come principio motore e creatore del movimento
  • al centro del corpo da cui si irradia il movimento o a cui il movimento ritorna
  • all’utilizzo funzionale della forza di gravità e coscienza della verticalità anche come forme espressive
  • al contatto attivo con il suolo
  • ai passaggi dal piano orizzontale a quello verticale in diverse dinamiche
  • all’allineamento non come costrizione ma come una “realtà” da seguire e da cui ci si può allontanare a seconda delle finalità espressive del movimento
  • allo spazio attraverso esercizi sul posto, diagonali e di esplorazione mediante combinazioni di sequenze
  • alla relazione musica- movimento

Oltre alla lezione di tecnica nel corso dell’anno verranno proposti ed integrati elementi di:

Composizione

lo studio della composizione consiste nel favorire, guidare e sviluppare il processo creativo dell’allievo, fornendogli le conoscenze necessarie per realizzare concretamente e compiutamente le proprie intenzioni espressive.

Improvvisazione

l’improvvisazione coreografica verrà proposta anche come veicolo di approccio agli elementi fondamentali della composizione in modo tale che l’allievo possa avere una esperienza globale dell’espressività del movimento, della possibilità di produrre un proprio linguaggio personale ed originale, dell’esistenza di  procedimenti, regole e meccanismi da osservare, sperimentare e conoscere a sostegno della creatività ed espressione di sé.

Partendo da improvvisazioni guidate a tema, singole e/o di gruppo anche in rapporto con gli elementi dello spazio, si farà esperienza di organizzazione dei materiali personali attraverso l’esplorazione degli elementi fondamentali del movimento tempo, spazio, energia.

Tempo: diverse velocità del movimento e ritmi.
Spazio
: direzioni, livelli e volumi, focus.

Energia:  portata dinamica del movimento e sue qualità.

Altri elementi saranno la motivazione e l’esplorazione del gesto (astrazione, stilizzazione, metafora), la relazione, scelta e implicazione di suono- movimento, musica- movimento.

Danzatrice di M. Graham


N.B. Anche in questo caso ho seguito e preso spunto per una concreta e funzionale proposta di percorso conoscitivo e formativo dai programmi della mia scuola di formazione: AND-Accademia Nazionale di Danza Istituto di Alta Cultura, Roma.